Aste giudiziarie truccate: blitz contro i colletti bianchi a Lamezia

Aste giudiziarie truccate: blitz contro i colletti bianchi a Lamezia

Aste giudiziarie truccate: blitz contro i colletti bianchi a Lamezia

Sono 21 le misure cautelari (12 arresti e 9 interdizioni) ottenute dalla Procura di Lamezia. Coinvolti avvocati, commercialisti, pubblici dipendenti, curatori fallimentari e custodi giudiziari. Un acquirente era in grado di condizionare gli esiti delle procedure. Sequestrata ingente somma di denaro contante.


 

È in corso una operazione a cura del Gruppo Guardia di Finanza di Lamezia Terme diretta dalla Procura della Repubblica. Il blitz ha consentito di smantellare un presunto sistema di condizionamento delle aste giudiziarie. I militari stanno eseguendo 21 ordinanze di custodia cautelare nei confronti di soggetti indagati per reati vari contro la Pubblica amministrazione e il patrimonio.
Dall’inchiesta coordinata dal Procuratore della Repubblica di Lamezia Terme, Salvatore Curcio, sarebbe emersa una serie di turbata libertà degli incanti al fine di condizionare l’esito delle aste giudiziarie. Tra le persone nei confronti delle quali sono state eseguite le misure cautelari ci sono, secondo quanto si è appreso, avvocati, commercialisti, pubblici dipendenti, curatori fallimentari e custodi giudiziari. Alle persone coinvolte nell’operazione sarebbe contestata l’associazione per delinquere finalizzata alla commissione di una serie di reati contro la pubblica amministrazione ed il patrimonio.
Al centro del sistema individuato dagli uffici giudiziari di Lamezia ci sarebbe Raffaele Calidonna, privato acquirente delle aste “pilotate” in grado – secondo l’accusa – di condizionare l’esito delle procedure. Nel corso dell’operazione, i finanzieri hanno sequestrato anche un’ingente somma di denaro contante.

fonte

Aste giudiziarie truccate: blitz contro i colletti bianchi a Lamezia