Le indagini vanno a rilento: due immigrati nigeriani accusati di stupro possono essere scarcerati

Le indagini vanno a rilento: due immigrati nigeriani accusati di stupro possono essere scarcerati

Le indagini vanno a rilento: due immigrati nigeriani accusati di stupro possono essere scarcerati

Il fatto risale al 2017: una ragazza di Ascoli, tredicenne all’epoca dei fatti, ha raccontato di essere stata violentata da due conoscenti, due immigrati nigeriani ospiti del centro “Oasi di Carpineto”, mentre aspettava il bus alla fermata.


Condotte le indagini, i responsabili delle violenze sono stati arrestati e portati in galera.

A un anno di distanza, però, possono essere scarcerati. Il motivo? Le indagini procedono a rilento. Infatti, come scrive Il Resto del Carlino, la procura ha chiesto una proroga delle indagini di tre mesi in quanto non sono ancora pronti i risultati dell’esame del Dna sui vestiti della vittima e dei due assalitori. Inoltre, gli inquirenti non hanno ancora messo mano alle conversazioni telefoniche tra i tre protagonisti della vicenda.

La situazione, dunque, è la seguente: da un lato il sostituto procuratore chiede che i due migranti restino dietro le sbarre, in attesa che le indagini siano completate, mentre dall’altro il legale dei due accusati protesta, sostenendo che dopo un anno di carcerazione preventiva i suoi assistiti debbano essere liberati, nonostante penda ancora su di loro l’accusa di violenza sessuale di gruppo su minore.

Peraltro, uno dei due nigeriani è accusato dal pubblico ministero di aver commesso, insieme a un’altra persona non identificata, un precedente abuso sessuale sulla stessa ragazzina sempre nel 2017, a San Benedetto del Tronto.

L’ultima parole spetta ora al giudice, che può dunque accogliere la richiesta della proroga o far uscire i due richiedenti asilo dalla prigione di Pesaro dove sono attualmente reclusi.

fonte

Le indagini vanno a rilento: due immigrati nigeriani accusati di stupro possono essere scarcerati