Ma cosa vuoi che sia una canzone, 40 anni dopo

Ma cosa vuoi che sia una canzone, 40 anni dopo

Ma cosa vuoi che sia una canzone, 40 anni dopo

Il 25 maggio 1978 usciva …Ma cosa vuoi che sia una canzone…, il primo disco di Vasco Rossi. È l’origine di tutto, il fuoco da cui si è originata una parabola che—vedi il record di presenze al concerto del Modenapark—è ancora ben lontana da raggiungere il suo apice.


Ma 40 anni sono un traguardo importante, e siccome cadono proprio quest’anno da quel 1978 in cui Vasco mise in piedi un primo LP grazie all’aiuto di Gaetano Curreri, viene pubblicata una ristampa in versione speciale.

Si chiama …Ma cosa vuoi che sia una canzone… R>PLAY Edition 40th e consiste in tre versioni, di cui la più completa rimane un cofanetto completo con vinile, libro, foto e altri contenuti mai pubblicati finora.

La copertina è ovviamente la stessa di 40 anni fa, con quella chitarra-matita che avrebbe cambiato la vita di milioni di persone e quel titolo che come pochi altri riesce a farti immaginare la voce di Vasco che te lo legge. Ma cosa vuoi che sia una canzone uscito venerdì 7 dicembre per Sony, una decina di giorni prima del video di Jenny è pazza, che 40 anni dopo finalmente avrà una sua clip in motion graphic realizzata da Arturo Bertusi.

Ma cosa vuoi che sia una canzone, 40 anni dopo