Sesto Fiorentino, uccisi padre e figlio a colpi di pistola da un vicino di casa

Sesto Fiorentino, uccisi padre e figlio a colpi di pistola da un vicino di casa

Sesto Fiorentino, uccisi padre e figlio a colpi di pistola da un vicino di casa

Duplice omicidio a Sesto Fiorentino (Firenze), in via dei Grilli. Padre e figlio, Salvatore (66 anni) e Simone Andronico (31), sono stati ammazzati a colpi di pistola da un vicino, Fabrizio Barna, 53anni. Secondo quanto si apprende il duplice omicidio sarebbe avvenuto in una casa colonica dove padre e figlio stavano lavorando. Barna aveva una pistola regolarmente denunciata. Sul posto sono intervenuti i carabinieri e personale del 118. Liti di vicinato per i rumori causati dai lavori di ristrutturazione di una casa sarebbero alla base del duplice omicidio. È quanto hanno ricostruito i carabinieri.


Ha udito gli spari e, incuriosita dalle esplosioni, è andata verso il piccolo cantiere per vedere cosa fosse successo: così una vicina delle vittime ha scoperto i cadaveri di padre e figlio uccisi da Fabrizio Barna. La donna si è sentita male e, nell’immediatezza, ha accusato un malore anche la moglie e madre delle due vittime. Le due donne hanno fatto in tempo a dare l’allarme, poi sono state soccorse e portate in ospedale.

Non risultano pregresse denunce o segnalazioni di liti tra le parti coinvolte alle forze di polizia. È quanto precisano fonti investigative dell’Arma dei carabinieri riguardo alla circostanza che in tempi passati le stesse vittime o i loro familiari abbiano segnalato alle autorità che Fabrizio Barna li avesse minacciati con la pistola durante una precedente lite per i lavori di ristrutturazione della casa. Una conoscente della famiglia, anche in presenza di giornalisti e telecamere, aveva detto che le vittime avevano riferito alle autorità del posto di minacce subite dal vicino.

Ma circa un paio di mesi fa, Salvatore Andronico e il figlio Simone Andronico, uccisi stamani a colpi di pistola dal vicino di casa Fabrizio Barna, si erano rivolte all’ufficio di «mediazione sociale» convenzionato con il Comune di Sesto Fiorentino per segnalare le tensioni di vicinato. È quanto stanno accertando i carabinieri in relazione al duplice omicidio di via Grilli. Dagli accertamenti finora svolti, si apprende ancora da fonti dell’Arma, è emerso che la situazione di tensione tra Barna e gli Andronico era in corso fin da quando erano iniziati i lavori di ristrutturazione della casa degli stessi Andronico, interventi edilizi cominciati nel gennaio 2018. In estate padre e figlio decisero di rivolgersi a questo particolare ufficio convenzionato col Comune di Sesto Fiorentino e gli operatori della «mediazione sociale»avrebbero agito inviando una lettera di invito a Barna per avviare un tentativo di conciliazione. Lo sportello di «mediazione sociale» è un’iniziativa locale sostenuta dal Comune di Sesto per dare un punto di riferimento dove comporre i rapporti tra la popolazione laddove essi presentino delle criticità.

Sesto Fiorentino, uccisi padre e figlio a colpi di pistola da un vicino di casa