Silvana De Mari omofobia omosessualità ed altro ancora senza censure

Silvana De Mari omofobia omosessualità ed altro ancora senza censure

Silvana De Mari omofobia omosessualità ed altro ancora senza censure

Ascolta la puntata con la Dottoressa Silvana De Mari che parla di omofobia, omosessualità senza tabù nè censure.
Clicca sul link sottostante per accedere al podcast:

Aveva detto chiaramente che “i gay sono malati”, che “l’omosessualità non è una condizione normale” e che “in realtà l’omosessualità non esiste”, ma “i gay, sono asessuate e omoerotiche”.

Parole crude, certo. Perché di peli sula lingua Silvana De Mari, chirurgo, endoscopista, psicoterapeuta, sembra proprio non averne. Frasi che aizzarono la rivolta indignata delle organizzazioni omosessuali, provocarono l’apertura di un provvedimento presso l’Ordine dei medici e – ora – anche l’apertura di una indagine da parte della procura di Torino.

L’accusa è dura: diffamazione aggravata dalla finalità della discriminazione e dell’istigazione all’odio razziale. Eppure la De Mari aveva subito detto di “amare gli omosessuali“, di averne curati molti e dunque di capirli. Solo che non si schiera al fianco di quella che lei definisce la schiera dei “nuovi ariani” di cui è “vietato parlar male”.

A denunciare la psicoterapeuta sono stati gli attivisti di “Torino Pride” e il procuratore Antonio Spataro lo ha consegnato nella mani di un pool di pm esperto di legge Mancino. Ovvero quella norma che “condanna gesti, azioni e slogan aventi per scopo l’incitazione alla violenza e alla discriminazione per motivi razziali, etnici, religiosi o nazionali”. Oltre al movimento Lgbt torinese, però, la De Mari dovrà vedersi anche dal fuoco incrociato dell’avvocatura del Comune di Torino (visto che il Consiglio per volere del consigliere Pd Maria Grazia Grippo ha deciso di denunciare a sua volta la psicoterapeuta) e quello della Regione (che ha già schierato i suoi avvocati). Tutti contro uno.

La De Mari non si è però fatta intimidire. “L’omofobia è un diritto che rivendico”, dice lei senza fare passi indietro. Nei giorni della bufera mediatica che le si era scatenata contro aveva continuato a dire ciò che pensava: ovvero che “Madre natura non ha previsto la penetrazione anale: quell buco non è stato creato per quella cosa lì, si ammala”; che “nelle pratiche di iniziazione del satanismo esiste il sesso anale”; che ” l’unione gay che porta all’incontinenza anale, all’ascesso anale non può essere considerata una cosa positiva”. da IlGiornale