Giovane offesa e aggredita in treno. Nessuno si è mosso per aiutarmi

Giovane offesa e aggredita in treno. “Nessuno si è mosso per aiutarmi”

Siamo talmente abituati ad andare dritti per la nostra strada, che abbiamo smesso di accorgerci degli altri. L’11 agosto dello scorso anno l’ha urlato Niccolò Ciatti: a vent’anni pestato a morte dentro il cerchio umano di un centinaio di suoi coetanei, che lo guardavano, immobili, stramazzare a terra come fossero stati davanti a un video di YouTube. Oggi, con la sua storia ce lo ricorda una giovane. «Siamo stati aggrediti nell’indifferenza di un intero vagone del treno». A raccontare l’episodio è un’infermiera originaria di Milano, C. C., che vive a Firenze da alcuni mesi. Una vicenda di ordinaria violenza che sarebbe rimasta nell’ombra, come tante altre, …