Migrante spaccia, non viene espulso. Per il giudice non c'è "giudizio di pericolosità concreto"

Migrante spaccia, non viene espulso. Per il giudice non c’è “giudizio di pericolosità concreto”

Migrante spaccia, non viene espulso. Per il giudice non c’è “giudizio di pericolosità concreto” La Corte accoglie il ricorso dell’immigrato: avere due condanne per droga (di primo grado) non basta. Serve “un giudizio di pericolosità sociale in concreto” L’immigrato aveva presentato il rinnovo per il permesso di soggiorno che gli era scaduto. La prefettura di Ancona, presa visione della sua fedina penale, si è però resa conto che sulle sue spalle pendevano due condanne penali (non definitive) per droga. Così non solo gli ha negato il documento, ma ha anche emesso un conseguente ordine di espulsione dall’Italia. Peccato che il migrante …

Migrante spaccia, subito libero. E il giudice ordina: La polizia gli ridia i soldi

Migrante spaccia, subito libero. E il giudice ordina: La polizia gli ridia i soldi

Migrante spaccia, subito libero. E il giudice ordina: La polizia gli ridia i soldi Ci sono voluti mesi di indagini, mica solo qualche giorno. Però alla fine la polizia municipale di Treviso era riuscita a catturare un richiedente asilo dedito allo spaccio di droga. Un crimine “infame”, come lo ha più volte definito il ministro Salvini. Peccato che la cattura e lo sforzo degli agenti non sia bastato ad assicurare al pusher la permenenza dietro le sbarre. Anzi. I fatti risalgono a tre giorni di giorni fa, quando i quotidiani locali hanno diffuso la notizia dell’arresto da parte della polizia locale di un 21enne nigeriano …