Migrante spaccia, non viene espulso. Per il giudice non c'è "giudizio di pericolosità concreto"

Migrante spaccia, non viene espulso. Per il giudice non c’è “giudizio di pericolosità concreto”

Migrante spaccia, non viene espulso. Per il giudice non c’è “giudizio di pericolosità concreto” La Corte accoglie il ricorso dell’immigrato: avere due condanne per droga (di primo grado) non basta. Serve “un giudizio di pericolosità sociale in concreto” L’immigrato aveva presentato il rinnovo per il permesso di soggiorno che gli era scaduto. La prefettura di Ancona, presa visione della sua fedina penale, si è però resa conto che sulle sue spalle pendevano due condanne penali (non definitive) per droga. Così non solo gli ha negato il documento, ma ha anche emesso un conseguente ordine di espulsione dall’Italia. Peccato che il migrante …